www.pizzocalabro.it di Giuseppe Pagnotta

                                                                                                                                                                             Presentazione

 

 

Malta Giuseppe

Pizzo, 6 febbraio 1883 - Bonga (Eritrea), 30 maggio 1937

 

Valente figura di soldato, si arruolò giovanissimo intraprendendo la carriera militare con passione e spiccato senso del dovere, pervenendo, per meriti di guerra, al grado di generale di brigata e guadagnandosi sul campo: medaglia d'argento al valore, il titolo di grande ufficiale dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia, il riconoscimento di Capo e Gran Maestro dell'Ordine Militare dei Savoia, e la Croce al merito di guerra. Iniziò nella guerra d'Eritrea col grado di sergente ma per il valore dimostrato fu promosso sul campo sottotenente: spalline che gli permisero di entrare nella scuola militare, una volta rientrato in Italia. Ritornato in Libia con grado di tenente, si distinse per valore e senso tattico, nella battaglia delle Due Palme e di Sciara Sciat. Partecipando alla I Guerra Mondiale, fortificò lo spirito guerriero che lo personalizzava mettendosi in evidenza in numerosi e cruenti scontri e in special modo a Clausette (Udine) e Tramonti nei giorni 5-6-7 Novembre 1917, salvando l'avanguardia dallo sfacelo e tenendola saldamente al posto di combattimento nonostante avesse perso il capitano. Fu proprio per quell'occasione che il 28 settembre 1919 fu insignito di medaglia d'argento al valore. Ritornato in Libia col grado di maggiore ebbe modo di mettersi in luce a Gebel (1932), azione che gli valse il riconoscimento reale succitato. Entrò nello Stato Maggiore del Colonnello Graziani, che lo tenne sempre in stima ed amicizia, col grado di colonnello.
Nel 1936 compi un'azione di guerra che lo rese, anche se per breve tempo, famoso in tutta la nazione e nel mondo e gli valse le congratulazioni del Gran Consiglio fascista e dello stesso Mussolini.
Il colonnello Malta, seguendo un ardito piano, con una marcia forzata e senza sosta, riuscì, con le proprie truppe, a portarsi a ridosso delle bande del prode Ras Immerù, ad accerchiare l'esercito ribelle e catturare lo stesso Ras sul cui capo pendeva una taglia di 20.000 talleri.
La Colonna malta divenne famosa e temuta. Promosso generale di Brigata, mori avvelenato a solo 57 anni in circostanze misteriose e mai chiarite. Di lui si conserva un bel quadro ad olio nel comune di Pizzo mentre gli è stato dedicato anche un molo del vicino porto di Vibo Valentia Marina.

© 2006 Giuseppe Pagnotta Pizzo (VV) Italy

Tutti i diritti riservati

Per una navigazione ottimale si consiglia una risoluzione video di 1024*768

NOTA: Il 21 settembre 2006 il sito www.pizzocalabro.it ha superato  il traguardo storico di un milione di pagine visitate dai web nautici di tutto il mondo.  Un grande traguardo per un grande paese.  Pochi in Calabria possono vantare un tale risultato.       

 Giuseppe Pagnotta

 Link: www.pizzocalabro.it,  www.pizzocalabro.com, www.pizzocalabro.eu, www.pizzo.biz, www.fotovideo.calabria.it www.apparizioni.com www.sanfrancescodipaola.biz,  www.murat.it,   www.rinnovamentocarismatico.org webpizzo.altervista.org,  www.studiopagnotta.it,   altri siti amici. 

Fateci sapere che cosa ne pensate del nostro sito Web. I vostri commenti e suggerimenti saranno sempre graditi.