www.pizzocalabro.it di Giuseppe Pagnotta

                                                                                                                                                                             Presentazione

 

 

Savaro Giovanni Francesco

Pizzo, 1610 - Mileto, 1682

 

Arcidiacono della Curia di Mileto, scrittore, oratore e poeta insigne, fu accademico degli Umoristi e docente di retorica alla università di Bologna. A Mantova entrò nelle grazie dell'Imperatrice Eleonora e ne ricevette onori e protezione. Dotato di un temperamento impulsivo, fu incarcerato per ordine del vescovo di Mileto e rinchiuso prima nel castello di Pizzo e poi in un carcere di Roma. Liberato, si stabili nella città eterna e poi passò a Bologna ove si aggraziò il rispetto del celebre anatomista e scienziato Marcello Malpighi, collega di lavoro nella stessa università cittadina. Dopo l'esperienza d'insegnante universitario passò a Mantova divenendo cappellano dei Gonzaga. Viaggiò molto per tutta l'Italia sempre ricevuto con onori presso le varie corti dei signori del tempo. Stanco di girovagare ed avanti negli anni ritornò in Calabria e si stabili a Mileto dove venne pugnalato, in una notte del 1862.
Scrisse una satira pungente dal titolo “la nobiltà del Pizzo”, una storia di Pizzo andata dispersa, una lettera sulle meraviglie di Pizzo un tempo Napitia, indirizzata a Marcello Malpighi.
Pubblicò numerosissime opere fra cui: “Sisara” (1667) un oratorio sacro rappresentato a Bologna; “Il Zelante difeso” altro oratorio rappresentato neI gennaio del 1672 davanti alla corte dei Gonzaga; “Giove Conciliatore”, “Amore pronubo” “L'Imeneo”, canti nuziali.
Scrittore prolifero lasciò una vastità di opere letterarie profonde ed efficaci come: “Il Crispo”, “Anna Bolena”, “Il Frothone”, “L'emiddio”, “Fortunato”, “Matrimonio per Inganno”, “Maria Stuarda”, “Il Druso o Tradimento Punito”, “Faustina” “L'inganno”, “Amore non ha legge”, “Il Ribelle per amore”, “L'onorato Imprudente”, tutte opere sceniche.
Compose parecchi canti, tradusse dal latino in Italiano e stampò “Il Compendio della guerra fatta in Italia dal Cardinale Egidio Albernozzo”. Diede alle stampe inoltre: “Il Parthenio”, “Il Zelante insidiato”, “La Visione”, “I Lamenti dell'eresia”, “ll Sifara”, ecc.

 


© 2006 Giuseppe Pagnotta Pizzo (VV) Italy

Tutti i diritti riservati

Per una navigazione ottimale si consiglia una risoluzione video di 1024*768

NOTA: Il 21 settembre 2006 il sito www.pizzocalabro.it ha superato  il traguardo storico di un milione di pagine visitate dai web nautici di tutto il mondo.  Un grande traguardo per un grande paese.  Pochi in Calabria possono vantare un tale risultato.       

 Giuseppe Pagnotta

 Link: www.pizzocalabro.it,  www.pizzocalabro.com, www.pizzocalabro.eu, www.pizzo.biz, www.fotovideo.calabria.it www.apparizioni.com www.sanfrancescodipaola.biz,  www.murat.it,   www.rinnovamentocarismatico.org webpizzo.altervista.org,  www.studiopagnotta.it,   altri siti amici. 

Fateci sapere che cosa ne pensate del nostro sito Web. I vostri commenti e suggerimenti saranno sempre graditi.