www.pizzocalabro.it di Giuseppe Pagnotta

                                                                                                                                                                             Presentazione

horizontal rule

 

Zuppone Strani Giuseppe

Pizzo, 10 Luglio 1858 - Roma, 23 Aprile 1940

 

Nacque a Pizzo da Nicolò Zuppone e da Rosa Strani; fu letterato, giornalista e poeta apprezzato dai maggiori critici Italiani del tempo. Ebbe i primi insegnamenti umanistici, oltre che a scuola, anche dal padre che era un tipico autodidatta di valore e dallo zio prete, Don Antonio Strani, arciprete di Briatico, di buona tempra umanistica.
Dalle scuole classiche, presto passò con giovanile ardore, nei circoli cuIturall di Catanzaro, dove faceva le prime prove letterarie nella “Giovane Calabria” del gruppo di giovani professionisti intellettuali e democratici, come allora s'indicavano gli studiosi di problemi sociali. E dall'82 incominciò a scrivere inni, poesie, saggi e traduzioni.
Nel 90-93 era già a Messina, nel gruppo più combattivo degli scrittori e giornalisti, per cui usciva, si può dire, dall'involucro provinciale. Vince il concorso per l'inno inaugurale dell'esposizione internazionale di Palermo del 92 e viene incaricato il grande Pietro Mascagni a musicare i versi premiati. Inizia con “Ricordo” le pubblicazioni di poesie e durante questo periodo (1893) strinse amicizia duratura con Giovanni Pascoli, Giacomo Venezian, Tommaso Cannizzaro, Giovanni Verga, G. Sergi, Cesareo e con altri illustri scrittori e giornalisti di fama. La Messina e la Sicilia di quei tempi erano centri d'arte e di atleti dell'arte; e Zuppone Strani non avrebbe avuto bisogno di cercare impegno nell'amministrazione statale, se il terremoto del 1908 non gli avesse tutto annientato; ambiente, casa, libri. Entrò nei telgrafi dello Stato, per vivere. La sua carriera fu sicura, dato l'ingegno e consegni il diploma della scuola telegrafica superiore, raggiunse il grado di ispettore delle Poste e fu già direttore generale delle poste di Milano.
Fra le sue pubblicazioni più importanti ricordiamo: “Luigi Camoens” (1895), “Sotto il cielo d'Ausonia” du J. Lippert Von Granberd : Firenze, Barbera (1899). (Ne fu entusiasta Giovanni Pascoli, che dedicò e mandò autografa allo Zuppone-Strani un'ode). “Domino Azzurro”: MIlano Sonzogno, 1906.
Libretto d'Opera in un atto, musica di Franco da Venezia, una delle tre opere vincitrici del grande “Concorso Sonzogno” date al Lirico di Milano, “Ondina”: Napoli, ed. Giannini, 1917. Libretto d'Opera in un atto vincitore del concorso S. Carlo, musica del maestro Bucceri; data al San Carlo nella stagione del 1918; “Il poema della Sua Morte” (1911) in collaborazione con A. Graf; tratta della morte della moglie Giuseppina Vinci. E fra tutte spicca “Finestra sui Tetti”, ROMA ed. Gran Mondo (1938), recensito da G. Morabito. Fu esperto di culture d'oltre Alpi e finissimo conoscitore di molte lingue fra le quali il tedesco.

bullet

horizontal rule

© 2006 Giuseppe Pagnotta Pizzo (VV) Italy

Tutti i diritti riservati

Per una navigazione ottimale si consiglia una risoluzione video di 1024*768

NOTA: Il 21 settembre 2006 il sito www.pizzocalabro.it ha superato  il traguardo storico di un milione di pagine visitate dai web nautici di tutto il mondo.  Un grande traguardo per un grande paese.  Pochi in Calabria possono vantare un tale risultato.       

 Giuseppe Pagnotta

 Link: www.pizzocalabro.it,  www.pizzocalabro.com, www.pizzocalabro.eu, www.pizzo.biz, www.fotovideo.calabria.it www.apparizioni.com www.sanfrancescodipaola.biz,  www.murat.it,   www.rinnovamentocarismatico.org webpizzo.altervista.org,  www.studiopagnotta.it,   altri siti amici. 

Fateci sapere che cosa ne pensate del nostro sito Web. I vostri commenti e suggerimenti saranno sempre graditi.