PIZZITANI CITTADINI DI SERIE B?????????????????????????????

PIZZITANI CITTADINI DI SERIE B?????????????????????????????

Il firmamento turistico nazionale recentemente ha visto accendersi nuove stelle in Terra di Calabria. Sono, solo per citarne alcune, Tropea e Vibo. La prima è diventata “il Borgo più bello d’Italia” oltre ad avere ancora una volta riconfermata la BANDIERA BLU. La seconda nominata dal Ministro della cultura CAPITALE D’ITALIA DEL LIBRO. Onore e merito a tutti coloro che con la loro inventiva, il loro impegno ed il loro sacrificio sono riusciti a portare a casa tali brillanti risultati.

Trattandosi di realtà molto vicini a noi Pizzitani sorge spontaneo chiedersi: E NOI?

Noi, invece, siamo sui media nazionali per i brillanti risultati raggiunti nel campo delle indagini condotte dalla DIA di Catanzaro nella persona del Procuratore della Repubblica di Catanzaro. Eppure Pizzo e la sua gente non sono, almeno potenzialmente, di meno a nessuno.

Pizzo ed i Pizzitani hanno:

1) La collocazione geografica in un sito naturale bellissimo ricco di acquee e verde, con un mare dai colori e dalla trasparenza assolutamente invidiabili ;

2) Un Centro storico pressoché integro nel suo impianto urbanistico seicentesco;

3)Un Borgo marinaro nel Rione della Seggiola scrigno di tesori di archeologia industriale rappresentati dalla vecchia tonnara e dell’industria della lavorazione dei tessuti oltre che della piccola pesca costiera;

4)Un secondo Borgo Marinaro alla Marina ricco di reperti storici sui Commerci Marittini della Calabria Centrale verso tutta Italia ed oltre essendo stato porto di terza classe fino alla fine dell’800;

5) Un clima con una temperatura media annuale intorno ai venti gradi tale da averlo reso nei tempi passati una richiestissima stazione climatica molto frequentata dalla nobiltà e dalle classe agiate nel periodo spagnolo e quello borbonico che in Pizzo eleggevano la loro residenza. All’uopo basta guardarsi intorno per vedere molteplici palazzi nobiliari.

6)Tradizioni religiose, eno-gastronomiche e nel campo sia della pasticceria che della gelateria di assoluto rilievo.

7)Un patrimonio naturalistico marino veramente unico con una qualità eccezionale delle acque marine dove nei periodi invernali vengono a procreare: il pesce azzurro, le seppie, le spigole, i polpi, le polpesse, i cavallucci marini mentre nella tarda estate arrivano le ricciolastre, i surici, e poi da ultimi i tonnetti;

8)Una scogliera tufacea con la presenza di notevoli grotte marine che comprendono la Grotta Azzurra, la Grotta dei Buoi; le Grotte della Chiesetta di Piedigrotta; le grotte di Cento fontane e svariate altre grotticelle disseminate lungo la scogliera;

9) Le Timpe naturali di roccia tufacea sulle quali è stata costruita Pizzo che a causa della loro inaccessibilità hanno mantenuto la loro funzione naturale di offrire ospitalità a piante e fiori veramente rari;

10)Le 10 Chiese di Pizzo scrigni di tesori artistici, culturali e soprattutto religiosi;

11) Il Castello con tutta la sua storia plurisecolare;

12)La Tomba del Re Gioacchino Murat, reperto storico culturale che lancia la Città di Pizzo nella Galassia stellare Europea;

13)La Piazza della Repubblica che costituisce un balcone sul mare che la pongono allo stesso livello dei più importanti belvederi turistici d’Italia. Anzi nelle ore serali dei tramonti con la vista dello Stromboli forse superiori;

14)Una ospitalità innata verso il forestiero derivante dalla cultura tipica dei NAVIGANTI che hanno costituito e costituiscono il nerbo del sistema economico sociale della Città di Pizzo.

Purtuttavia una tale abbondanza di ricchezza di risorse naturali ed antropologiche, per Noi Pizzitani, non è bastata per sfondare ed accedere nel firmamento delle località turistiche nazionali. PERCHE?

Il Comune, le Associazioni ed il decoro urbano di Giuseppe PAGNOTTA

Il Comune, le Associazioni ed il decoro urbano di Giuseppe PAGNOTTA

06/05/2021. RIFLESSIONI DELLA NOTTE. Nei capitoli dei Bilanci Comunali ci sono appositi capitoli di spesa per il decoro urbano che è fondamentale per un paese a vocazione turistica come Pizzo. Queste spese sono finanziati di norma da trasferimenti statali, regionali e provinciali e dalle altre entrate comunali non a destinazione specifica, quelle sulle proprietà per capirci. Se certi comuni non prestano le necessarie attenzioni a reperire contributi esterni o non riescono a coprire i costi dei servizi comunali come previsto dalle leggi allora si invoca, in assoluta buona fede, l’intervento dei cittadini sia singoli che organizzati. Nel primo caso invece di andare a coprire deficienze comunali forse sarebbe meglio dare aiuto concreto, per chi ne ha la possibilità, ai tanti bisognosi vittime dei tremendi periodi che stiamo attraversando. Circa le pochissime Associazioni funzionanti sono organizzazioni di persone che abbondano di entusiasmo e voglia di fare cose belle e buone, solo che non hanno altro. Negli anni passati erano gli Enti pubblici ad aiutare finanziariamente le Associazioni a svolgere i propri compiti istituzionali mentre ora, almeno per come è andato il programma degli eventi estivi dello scorso anno, le posizioni si sono ribaltate. Alle Associazioni si chiedono i soldi mentre il Comune mette il resto purché non ci sia nulla da spendere. Onestamente ritengo che ognuno debba fare il suo compito. A titolo di esempio per tutti le Compagnie teatrali mettono impegno, entusiasmo, preparano le commedie, allestiscono le scene e così via ma per le spese pretendere, come avvenuto lo scorso anno, che si facciano carico anche delle stesse è semplicemente innaturale e non porta da nessuna parte. Infatti lo scorso anno il programma estivo ha avuto realizzazione solo in minima parte. Le mie vogliono essere, come sempre, riflessioni costruttive al fine di migliorare la vita sociale ed anche associativa dei Pizzitani. Buona notte a tutti.

LA LISTA DELLA SPESA. UNA REGOLA RIVOLUZIONARIA PER AMMINISTRARE LA COSA PUBBLICA.

LA LISTA DELLA SPESA. UNA REGOLA RIVOLUZIONARIA PER AMMINISTRARE LA COSA PUBBLICA.

LA LISTA DELLA SPESA. Tutte la mamme quando la mattina escono per la spesa si fanno la lista di quello che hanno bisogno i propri famigliari con un occhio ai soldi che sanno di poter spendere senza correre il rischio di arrivare a fine mese e di averli esauriti. Sanno già, sulla base dell’esperienza, quale prodotti possono permettersi e quanto costano. E soprattutto cercano in tutti i modi di non superare il budget di spesa giornaliero ben sapendo le gravi conseguenze che ne deriverebbero. Sono delle ottime amministratrici della propria famiglia. Sono semplicissime regole di valenza generale che devono rispettare tutti per il bene di tutti. Sono regole che valgono per ogni organizzazione umana compresi gli enti e le aziende. Le aziende le devono rispettare obbligatoriamente altrimenti falliscono. Gli Enti (Comuni, Provincie e Regioni) non necessariamente perchè in Italia si ritiene che non possono fallire. Quindi i dissesti, gli squilibri senza che nessuno venga mai chiamato a rispondere. Una volta c’erano i partiti all’interno dei quali venivano operate delle scelte candidando a pubblici amministratori persone con un minimo di preparazione amministrativa. Oggi invece le liste per lo più civiche vengono fatte su iniziativa di Gruppi di potere o Lobby tenendo conto quasi esclusivamente dei voti che potenzialmente potrebbero portare alla lista e quindi delle parentele e delle potenziali conoscenze. Anzi meno sanno e meglio è. Perchè, in tal modo chi gestisce la lobby ha meno problemi nel condurli dove portano i suoi interessi. Se ad amministrare ci fossero delle madri di famiglia [in tal senso vanno le ultime norme che hanno posto l’obbligo di una forte presenza femminile nelle liste] allora ad esempio si porrebbero il problema dell’acqua affinchè l’erogazione fosse sufficiente non solo per i residenti ma anche e soprattutto per i turisti, che le perdita fossero ridotte al meno possibile sia per ridurre gli sprechi che per evitare di restare senz’acqua. Tutte la madri di famiglia ci tengono affinchè la propria casa brilli e sia pulitissima. Si preoccupano di pulirla, raccogliere la spazzatura e di andarla a conferire nei luoghi indicati dagli Enti Pubblici. Quando si parla di pulizia dei nostri paesi e delle nostre città allora le cose si complicano enormemente con gradi differenti secondo la capacità amministrativa dei responsabili. Ad esempio a Pizzo negli ultimi anni i problemi sofferti sono stati pochissima cosa rispetto a quelli enormi patiti dagli abitanti di Vibo e di altri paesi limitrofi. Eppure stesse leggi, stesse risorse, ma diversa capacità di gestione e quindi grandissima varietà di problemi. La legge impone agli Amministratori di operare per programmi e sulla verifica dei risultati con i programmi. Tutto questo viene fatto solo sulla carta mentre dai fatti di tutti i giorni emergono situazioni completamente diverse.

20170326 Reportage del Volo da Parigi a Lamezia Terme di Giuseppe Pagnotta

20170326 Reportage del Volo da Parigi a Lamezia Terme di Giuseppe Pagnotta

Pubblicato il 03 giu 2017

Spezzoni video del volo di ritorno da Parigi fatto da Giuseppe Pagnotta, Presidente Murat Onlus, per ritirare la decorazione di cavaliere del Reale Ordine delle Due Sicilie, assegnata da S.A.R. Le Prince Murat in occasione del 250° anniversario della nascita di Re Gioacchino in cui è stato ripristinato tale Ordine Cavalleresco.
20170326 Reportage del Volo da Parigi a Lamezia Terme di Giuseppe Pagnotta

Pin It on Pinterest